Errore sul database di WordPress: [Unknown column 'status' in 'where clause']
select * from wpgv_rank_math_redirections where status = 'active' and ( sources like '%a:2:{s:7:\"pattern\";s:47:\"google-il-re-dei-motori-di-ricerca-introduzione\";s:10:\"comparison\";s:5:\"exact\";}%' or sources like '%google%' or sources like '%il%' or sources like '%re%' or sources like '%dei%' or sources like '%motori%' or sources like '%di%' or sources like '%ricerca%' or sources like '%introduzione%' ) order by updated desc

Errore sul database di WordPress: [Unknown column 'status' in 'where clause']
select * from wpgv_rank_math_redirections where status = 'active' order by updated desc

Google il re dei motori di ricerca, Introduzione - Webmasterseo.ch
079 / 679.26.62 info@webmasterseo.ch

Nato alla fine degli anni ’90, scopriamo molto velocemente perché é Google il re dei motori di ricerca leader a livello mondiale, grazie alla sua interfaccia innovativa e al suo algoritmo di ricerca “PageRank” che mostrava risultati di ricerca più accurati rispetto ai suoi concorrenti.

In WebmasterSEO, e in generale ogni volta che parlo di motori di ricerca, mi riferisco principalmente a Google: il re dei motori di ricerca.
Perché?
Perché le statistiche hanno confermato per anni che Google è il motore di ricerca più utilizzato, e lo è ancora nel 2018.
Voglio essere chiaro in modo che adesso sai perché mi sto concentrando su questo motore di ricerca.
E no, non dimentico che Bing esiste, ma in pratica se ottimizzate le vostre pagine per posizionarvi meglio in Google, lo farete anche in Bing.
In caso di dubbi, date un’occhiata a questa recente statistica di ricerche in tutto il mondo classificate da StatCounter:

 

Analisi StatsCounter su Google

Qual è la missione di Google?

L’obiettivo principale di ogni motore di ricerca è (o dovrebbe essere) quello di fornire all’utente la risposta più appropriata a ciò che sta cercando, nel modo più rapido e preciso possibile.
E contrariamente a quanto molti pensano, sono convinto che Google stia facendo del suo meglio per realizzare questa missione.
E non è facile, pensate per un attimo che ci sono milioni di ricerche al minuto in Google e che ha miliardi di pagine indicizzate, e quindi ti renderai conto della difficoltà di questa missione?

La storia di Google in poche parole

Google è nato alla fine degli anni ’90, come la tesi di dottorato di Larry Page e Sergey Brin, e nel 1998 è stato “lanciato” su Internet.
Se siete vecchi come me (😉) vi ricorderete che c’è stato un tempo in cui altri motori di ricerca (Altavista, Lycos…) stavano lottando per offrirvi risultati decenti.
La verità è che non lo facevano molto bene, si doveva “saltare” da un motore di ricerca all’altro per riuscire a trovare finalmente quello che si stava cercando.
Questi motori di ricerca semplicemente eseguivano un’analisi molto superficiale del contenuto delle pagine, e poi cercavano di classificarli, e decidevano la loro importanza relativa su un particolare argomento.
Ad esempio: se una determinata pagina “diceva” che parlava di uno specifico argomento, perché conteneva articoli e commenti correlati, i motori di ricerca la catalogavano  in quel modo, e tutti felici e contenti.
In linea di principio questo può sembrare perfettamente logico, e in un mondo perfetto funzionerebbe abbastanza bene.
Ma purtroppo questo sistema ha reso molto facile manipolare le ricerche, abusando del contenuto e per esempio ripetendo innumerevoli volte i termini che si desiderava posizionare.
Per non parlare di altre tecniche di “Blackhat”, come l’inserimento di testo invisibile all’utente con migliaia di parole chiave, oppure utilizzando la tecnica del “Cloaking”, e via dicendo.
In breve, in “quei periodi” era facile convincere un motore di ricerca che il tuo sito era un’autorità su un determinato argomento, perché si doveva semplicemente farglielo credere.
In breve, tutti avevamo difficoltà a trovare qualcosa di decente tra tutta quella “spazzatura”, e dovevamo sforzarci di completare la ricerca saltando da un motore all’altro, e cercando di unire le informazioni.
E più di una volta non vi è stata altra scelta se non quella di ricorrere a motori di ricerca “specializzati”, o come ultima risorsa immergersi nel caos organizzato di un elenco tematico.
Per fortuna, tutto improvvisamente cambiò.

Perché diventa Google il re dei motori di ricerca.

Questa è l’intefaccia di Google nel 1998, e anche se non sembra, era un’interfaccia rivoluzionaria.

Google il re dei motori di ricerca

La principale innovazione di Google fu quella di ideare un sistema per cercare di determinare l’autorità di una pagina su un argomento analizzandone i link in entrata (Backlink).
L’idea era più o meno questa: se qualcuno si prende la briga di collegarsi alla tua pagina dalla sua, deve essere perché quel  contenuto ha un certo interesse, giusto?
E naturalmente questa pagina destinataria sarà rilevante per l’argomento della pagina che la sta linkando, altrimenti quest’ultima non lo farebbe, vero?
Sulla base di queste premesse, Google sviluppò un sistema per quantificare questa autorità, e lo chiamò “PageRank”.
Grazie a questo sistema, le pagine che avevano un PageRank più alto posizionavano meglio nei risultati di ricerca e questo fece in modo che i risultati ottenuti, fossero più pertinenti rispetto alla ricerca effettuata.
E così la maggior parte degli utenti erano felici!
Ricordo che quando iniziai a usare Google rimasi sorpreso dalla sua precisione nel trovare “magicamente” ciò di cui avevo bisogno nella maggior parte delle volte.
Inoltre l’interfaccia di Google era anche molto veloce, e si è concentrata sulle reali esigenze dell’utente: trovare ciò di cui aveva bisogno.

L’eterna lotta di Google contro lo SPAM

Grazie a tutti i miglioramenti che Google ha introdotto, è diventato rapidamente il motore di ricerca preferito della maggior parte delle persone, e ancora oggi nel 2018 è di gran lunga il motore di ricerca più utilizzato in tutto il mondo.
Purtroppo, come si suol dire, l’uomo finisce per distruggere tutto, così Google è diventato l’obiettivo principale di tutti gli spammer, professionisti del Blackhat e “posizionatori professionali” (SEO?).
Purtroppo tutti cerchiamo, (e mi includo, purtroppo, in questo) di “inventare” metodi per cercare di sfruttare alcuni bug o difetti di Google per posizionarci meglio nelle ricerche.
E Google ha iniziato a contrattaccare, a creare sezioni specifiche per combattere lo SPAM e ad aggiornare il suo algoritmo di ricerca per cercare di restituire risultati di ricerca sempre più con maggiore precisione.
Come ho detto all’inizio, Google ha attribuito molta importanza ai link in entrata, così per anni abbiamo creato link “non naturali” per cercare di ottenere più autorità e un miglior posizionamento.
Nel tentativo di combattere questo problema, gli ultimi aggiornamenti all’algoritmo di Google si sono concentrati su altre metriche, come i segnali social, l’interazione con l’utente, la qualità dei contenuti, ecc.

Il pagerank di Google

Conclusione.

Prima di concludere questa breve introduzione vorrei aggiungere un paio di consigli su cui dovresti meditare prima di cercare di posizionare il tuo sito web.
Google è un’azienda, e come tale il suo obiettivo finale è quello di generare profitti per se e per i suoi azionisti.
Sai cosa intendo con questo?
E’ innegabile che Google abbia contribuito enormemente allo sviluppo di Internet così come lo conosciamo oggi.
Ha anche avuto la saggezza di concentrarsi sull’utente, e cercare di rendergli la vita il più semplice possibile.
Ed è per questo che dovresti prestare molta attenzione alle raccomandazioni di Google quando progetti il tuo sito e quando vuoi posizionarlo.
Ma allo stesso tempo è necessario mantenere la mente critica e agire nel modo migliore per te, e non per Google.
Solo un’ultima osservazione, che a mio avviso riflette molto bene questa conclusione:
Google ricava circa il 96% delle entrate proprio dagli annunci pubblicitari.
È chiaro qual è il suo modello di business e quali sono i suoi obiettivi?